NEK ad Ostuni

NEK ad Ostuni
4 Marzo 2023 Nicola Moro

Fede, amore e paternità nell’incontro
di Nek col pubblico ai SS. Medici

di Ilaria SANTAMARINA

Incredibile l’affluenza ieri presso la Chiesa Santi Medici a Ostuni per l’incontro con il cantautore Nek.
L’evento, organizzato dalla Confraternita della Madonna dei Fiori con la Parrocchia Santuario SS. Cosma e Damiano, si è aperto circa un’ora prima per la stampa. Tra le testate giornalistiche presenti, la redazione de Lo Scudo ha potuto conoscere Filippo Neviani, in arte Nek, e porgergli qualche domanda.

In quest’incontro, visibile sul nostro canale Youtube (al link https://youtu.be/6s2krVriwIM) il vicedirettore Nicola Moro ha chiesto al cantautore qual è l’importanza di trasmettere un messaggio ai figli, e quanto la fede contribuisce in questo. La risposta esaustiva del cantante ha toccato vari punti del rapporto padre-figlia:

Un padre deve essere più possibile sé stesso, deve essere integro e dedicare del tempo ai figli. La fede è difatti uno scudo. Io, personalmente, vivo una vita estremamente frenetica e sono fagocitato dal mondo in suo movimento e mi accorgo che c’è bisogno di ascolto. È importante ascoltare i propri figli. Noi genitori spesso pensiamo di non poterci connettere con l’universo dei nostri figli perché viaggiamo su altre frequenze, e invece no. Dedicare tempo ai nostri figli significa entrare in connessione con loro, tornare un po’ bambini, senza cellulare e distrazioni”.

L’incontro, aperto al pubblico alle 18.30, ha permesso al cantautore di “vivere questa giornata importante come esercizio personale e riflessione per mettere a fuoco il compito di genitore.”

La fede, per il cantautore, non è un punto di arrivo ma è un vero e proprio cammino, un esercizio continuo. In quanto personaggio pubblico prevale la dimensione individuale  – “IO e non DIO” – e aggiunge “manca una lettera fondamentale che dà un significato a tutto il resto”. Facendo riferimento a come la vita sia una continua prova, ricorda il cammino di Gesù e delle figure dei Santi, in quanto non vincenti della società, ma gente comune e ai margini. Concludendo, Nek aggiunge: “La fede è  un continuo (accorgersi di) cadere e rialzarsi, ed è il rialzarsi in quanto atto in sé che è portatore di fede poiché soltanto le parole non bastano”.

 

 

L’incontro col pubblico

Don Giovanni Apollinare ha dato il via all’incontro presentando il tema: l’amore, in quanto massima essenza del Vangelo. Riguardo il testo pubblicato da Nek qualche anno fa, “Lettere a mia figlia sull’amore”, si fa riferimento al rapporto padre-figlia. Ha sottolineato come la dimensione educativa riportata nel libro sia stato un modo per interrogarsi, poiché il rapporto fra figli e genitori è complicato in seno al ruolo della delega; della dimensione educativa, e in merito ai ruoli fra i genitori stessi. Il testo infatti è stato di ispirazione per il camposcuola tenutosi in estate con i giovani dell’ACR della parrocchia.

L’umiltà che contraddistingue Filippo Neviani non si è manifestata soltanto nell’enorme disponibilità dell’ascolto alle domande, o nella felicità con cui ha voluto interagire con il pubblico, ma è nell’attenzione alle risposte che ha dato ad ognuno. Nella sua semplicità e sincerità, ha parlato di egocentrismo e della necessità di decentrare il focus da sé stessi, della necessità di autoanalizzarsi per capire quanto è importante educare in maniera corretta, e della rieducazione dei genitori stessi all’ascolto. “Essere padre è svolgere un servizio, ma è la vita stessa che dovrebbe essere al servizio dell’altro, nella pienezza del ruolo che si svolge, perché solo così si può mettere in esercizio l’umiltà, che è anche ascolto”.

È stata evidenziata l’importanza del ritagliare del tempo per gli affetti, nonostante la difficoltà di un mondo che gira vorticosamente e che incita a una grande forma di egoismo.
Per Nek, “fare musica ed entrare in contatto con le persone è un processo delicato, complicato, ma meraviglioso”. Non comporta soltanto sacrificio e studio, o una parte di istinto, ma è donare qualcosa agli altri, usare il talento per dialogare con le persone affinché attraverso una canzone trovino la propria dimensione. E continua: “La musica, come tutti i grandi strumenti, possono essere volti al bene e al mare, ed è nella reazione degli altri che è possibile comprendere l’importanza della condivisione del momento, del messaggio espresso, dei sentimenti veicolati. La responsabilità è di essere sempre me stesso, altrimenti rinnegherei non soltanto me ma anche la mia natura”.

Il processo artistico che coinvolge la creazione dei testi delle canzoni del cantautore non è svuotato di connotazione emotiva, ma è frutto di esperienze e del vissuto dell’autore, ed è questo che gli permette di creare un legame con il pubblico. “È l’esperienza della compagnia e dello stare insieme che matura scelte di fede”, dice Don Giovanni.
Filippo, facendo riferimento alle esperienze da giovanissimo nell’ACR, ricorda il percorso di condivisione in parrocchia, e della maturazione della fede, dell’importanza fondamentale dell’educazione. Avere bisogno degli altri e del confronto è una ricchezza per la propria vita, poiché sono necessari. I percorsi dell’ACR gli hanno permesso di sviluppare questa dimensione di condivisione e convivialità per esplorare la dimensione umana, in quella della chiesa in quanto famiglia.

L’incontro ha permesso a Filippo Neviani, grazie alle domande del pubblico, di toccare vari temi e riflessioni; da quelli trattati nel libro “Lettere a mia figlia sull’amore” alla paternità, la responsabilità di veicolare un messaggio di amore e di fede attraverso le canzoni, l’ammirazione per suo padre, l’importanza della fede nel gestire aspetti importanti della sua vita in quanto genitore e professionista, e la consapevolezza su aspetti del vissuto, e di come la fede sia un valore aggiunto imprescindibile.

Ai giovani consiglia di mettersi in gioco e vivere con passione, perché vivere grazie alla curiosità è una forza che muove qualsiasi cosa.
Non possiamo che essere lieti di questo incontro e ringraziare ancora gli organizzatori.

Se volete rivivere i momenti della rassegna stampa, iscrivetevi al nostro canale Youtube e cliccate sul link: https://youtu.be/6s2krVriwIM

 

1 Commento

  1. Montanaro Nella 1 anno fa

    Che bella testimonianza che il cantante ha dato come padre, il concetto di tempo che bisogna dedicare ai propri figli in questo mondo frenetico …

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*